Presentiamoci

Mi chiamo Paolo Mecacci, sono un formatore ed un counselor relazionale.

Ho poco più di quarant'anni, una laurea in Sociologia, un Master Universitario in Counseling e Formazione Relazionale e una formazione quadriennale come Direttore di Psicodramma. Sto completando il percorso di Laurea Magistrale in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni.

Nel mio lavoro mi occupo di seguire e sostenere le persone, singoli o gruppi, e molto spesso intere organizzazioni. 

Il primo passo che facciamo è "mettere a fuoco" la realtà, poi insieme, troviamo gli strumenti più adatti, semplici e sicuri per "tracciare nuove rotte".

 

Una mia passione?

Il Teatro di Psicodramma, il cuore pulsante del mio modo di lavorare. Lavoro anche in sessioni individuali nel mio studio di Torino e di Firenze, utilizzando il Voice Dialogue e lo Psicodramma, con le loro tante possibilità di applicazione.

La vita è come andare in bicicletta, per stare in equilibrio devi muoverti.

 

Ti racconto qualcosa di più su di me...

 

UN'ANDATA E UN RITORNO...

Iniziamo da un luogo: la Toscana, dove sono nato e cresciuto. Luogo di partenza.

Poi serve anche una data: luglio 2004. Stavo per salire su un aereo con destinazione Phoenix, Arizona. L'andata.

Avevo ceduto da un mese le quote della società di Grafica e Comunicazione che avevo co-fondato due anni prima, con degli amici. Non era più il mio lavoro! ... ma con franchezza, questa era l'unica certezza, per il resto era ancora tutto da scoprire.   

 La vita è come andare in bicicletta, per stare in equilibrio devi muoverti. 

 

Ho viaggiato per 3 mesi tra Arizona, Utah, New Mexico e Colorado, fermandomi per un mese e mezzo a lavorare nel cantiere edile di Arcosanti, un esperimento Sociale e Urbanistico, a cui l'Arch. Paolo Soleri  ha dedicato la vita e dove ha insegnato migliaia di giovani, quanto la "bellezza del luogo urbano", influisca sull'animo umano e sulle relazioni sociali.

Bene, ogni giorno, in quella terra desertica mentre lavoravo, il mio pensiero costante era: cosa voglio fare?

quale è la cosa a cui voglio dedicare la mia vita?

 

E da lì, leggendo un'intervista realizzata a Ravello (NA) nel 2003, in cui il sociologo italiano Domenico De Masi aveva realizzato insieme a Paolo Soleri, riguardo l'influenza dell'architettura sui processi culturali collettivi e sul valore della comunità, decisi completare quello che avevo lasciato in sospeso anni prima, alla facoltà di Sociologia La Sapienza di Roma. 

 

L'INIZIO DELLA SECONDA VITA

Ancora un luogo: la verde collina di Arcetri, Firenze.  Qui ho vissuto per 3 anni condividendo una casa con 5 grandi amici, tutti Fisici, AstroFisici o Ingegneri dottorati. Un esperienza di grandi risate e fratellanza. Firenze è stata la città dei miei studi, sino a laurearmi in Sociologia con una tesi che ha preso un carattere  "psicologico e sociologico" riguardante, l'empowerment sociale

 

Via di seguito un altro luogo: Siena. Sempre l'Università, ma questa volta laureato e lavoratore. Corso di Perfezionamento in "Comunicazione e Relazione" tenuto dal Dipartimento di Scienze Umane e dell'Educazione, e poi (ispirato da questo percorso) ho deciso di partecipare al Master Universitario di I° Livello, sempre tenuto dall'Università degli Studi di Siena, in “Counseling Relazionale e Formazione”. Il mio futuro mestiere incominciava ad assumere connotati riconoscibili. ) "Professionista della relazione d'aiuto". 

Da allora a oggi di percorsi formativi non sono certo mancati (e mi auguro che non finiscano mai!!!), come la formazione in Mediazione e Conciliazione all'Università degli Studi di Pisa, organizzata all'interno del Corso di Laurea di Scienze per la Pace,  la bellissima Scuola Quadriennale di Psicodramma a Torino, i percorsi per la Gestione dei Conflitti presso il Centro Psico Pedagogico di Piacenza, e molti altri ancora.

Una strada lunga, ma non farei niente altro nella vita se non ripercorrerla con entusiasmo, quello che si prova quando si riconosce la propria missione.

 

IL TERZO ATTO

Torino, è l'ambientazione del terzo atto. 2010 l'arrivo in Piemonte e l'incontro con una moltitudine di situazioni culturalmente vive e entusiasmanti mi incoraggiano ad aprire il mio primo studio professionale, in cui da sia da Sociologo interessato alla "vita dei gruppi" che come Counselor rivolto alla "dimensione della persona" incomincio a farmi esperienze e a crescere professionalmente.

Ma ciò che nella mio biografia segna un momento cruciale per me a Torino, è sicuramente l'incontro con lo Psicodramma ed in particolare con il Professor Marco Greco, direttore della scuola di Psicodramma torinese, che è stato (e continua sicuramente ad essere!) tante cose per me, prima Maestro, Amico e poi Socio nella nostra impresa FaberActive srl, azienda che offre i suoi servizi al mondo delle imprese e delle organizzazioni, realizzando percorsi e applicazioni per l'innovazione e lo sviluppo organizzativo.

 

 

... to be continued